Autorizzazione e Comunicazione inizio lavori

 

GUIDA RAPIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DI AUTORIZZAZIONE E COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI

Le autorizzazioni e comunicazioni di inizio lavori sono richieste per le opere e gli interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio e di trasformazione degli ecosistemi vegetali, che comportano movimenti di terreno o modificano il regime delle acque.

Seguire i seguenti passaggi:

 

FASE 1 - VERIFICA CARTOGRAFICA CHE LE OPERE DA REALIZZARE SIANO IN ZONA SOGGETTA AL VINCOLO IDROGEOLOGICO

N.B. Qualora la zona interessata, pur all’interno delle aree contraddistinte dalla cartografia come sottoposte a vincolo idrogeologico, si trovi nelle seguenti condizioni, si applicano le seguenti disposizioni (ai sensi della Circolare interpretativa approvata con delibera di Giunta della Comunità Montana Appennino Parma Est n. 30 del 09/05/2006):

a – All’interno degli alvei demaniali e in zone laterali a fiumi e torrenti, e cioè entro la fascia dei 100 metri solo dei corsi d’acqua classificati come fiumi o torrenti denominati tali dalla Carta Tecnica Regionale, ogni opera, piantagione o movimento di terra, necessita esclusivamente dell’autorizzazione ai sensi del R.D. 523/1904, attualmente rilasciato dai Servizi Tecnici di Bacino (non si applica pertanto la normativa del vincolo idrogeologico)

b – Nei casi in cui un intervento ricada solo parzialmente entro la fascia dei suddetti 100 metri e quindi risulti soggetto a vincolo sia idraulico sia idrogeologico, sarà oggetto della sola autorizzazione dell’ente sotto la cui competenza ricada in prevalenza l’intervento da realizzare

c – Per ogni opera o intervento che ricada anche solo parzialmente entro la distanza minore o uguale a 10 metri dalle acque pubbliche, di cui all’Elenco delle acque pubbliche approvato con R.D. n.1775/33, occorre esclusivamente l’autorizzazione ai sensi del R.D 523/1904, attualmente rilasciata dai Servizi Tecnici di Bacino (non si applica pertanto la normativa del vincolo idrogeologico).

 

FASE 2 - VERIFICARE CHE IL TIPO DI OPERE DA REALIZZARE RICHIEDANO

      a. Pratica di autorizzazione (Elenco 1)

  • Relazione Asseverativa
  • Progetto Esecutivo
  • Relazione geologica e Geotecnica
  • Documentazione fotografica
  • Cartografia alla scala 1:25.000 e 1:10.000/1:5.000 con localizzazione dell’opera
  • Planimetria catastale alla scala 1:2.000 o 1:5.000 con indicazione delle particelle catastali interessate e ubicazione delle opere o interventi
  • Ricevuta del versamento di € 35.00 sul C.C.P. 10037430 intestato a Unione Montana Appennino Parma Est – Servizio Tesoreria recante la causale “Vincolo idrogeologico – spese per istruttoria”

 

      b. Pratica di comunicazione di inizio lavori (Elenco 2)

  • Relazione asseverativa
  • Relazione Tecnica Illustrativa
  • Elaborati Grafici
  • Documentazione fotografica
  • Cartografia alla scala 1:25.000 e 1:10.000/1:5.000 con localizzazione dell’opera
  • Planimetria catastale alla scala 1:2.000 o 1:5.000 con indicazione delle particelle catastali interessate e ubicazione delle opere o interventi
  • Ricevuta del versamento di € 35.00 sul C.C.P. 10037430 intestato a Unione Montana Appennino Parma Est – Servizio Tesoreria recante la causale “Vincolo idrogeologico – spese per istruttoria”

 

     c. Nessuna pratica

 

FASE 3 - LA PRATICA E’ PRESENTATA AL SEGUENTE UFFICIO

    a. Allo sportello Unico per le Imprese (SUI) del comune

  • Richiedi la modulistica SUI
  • comunicazione-cfs-inizio-lavori-elenco1
  • comunicazione-cfs-fine-lavori-elenco1
  • comunicazione-cfs-fine-lavori-elenco-2
  • Dichiarazione sostitutiva
  • Modulo comunicazione
  • Modulo richiesta autorizzazione
  • SUI in Provincia

 

   b. Alla Comunità Montana

  • Richiedi la modulistica ORDINARIA
  • Comunicazione CFS fine lavori
  • comunicazione CFS inizio lavori
  • Dichiarazione sostitutiva
  • Modulo autorizzazione
  • Modulo comunicazione
  • Moduli per relazione assertiva
  • modulo-relazione-asseverativa
  • modulo-relazione-asseverativa-sanatorie
  • Files dei Moduli comunicazione a cfs
  • comunicazione-cfs-inizio-lavori-elenco1
  • comunicazione-cfs-fine-lavori-elenco1
  • comunicazione-cfs-fine-lavori-elenco-2
  • modulo-presentazione-contestuale-autorizzazione

 

FASE 4 - LA PRATICA E’ PRESENTATA DAL SEGUENTE SOGGETTO RICHIEDENTE

a – Proprietario dei terreni sottoposti a vincolo idrogeologico
b – Soggetto diverso dal proprietario ma avente diritto. Scarica la Dichiarazione sostitutiva di atto notorio necessario in questo caso.

 

FASE 5 - VERIFICARE LA COMPLETEZZA DEI DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

Si tratta di una pratica di Autorizzazione (elenco 1)?

Verifica l’elenco dei documenti da allegare alla domanda
Documenti da allegare alla pratica di Autorizzazione per opere di cui l’elenco 1

Si tratta di una pratica di Comunicazione di inizio lavori (elenco 2)?

Verifica l’elenco dei documenti da allegare alla domanda
Documenti da allegare alla pratica di Comunicazione di inizio lavori per opere di cui all’elenco 2

Verifica elenco 2

 

FASE 6 - PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande sono presentate alla Comunità Montana tramite spedizione postale o consegna all’Ufficio Protocollo della Comunità Montana Appennino Parma Est al seguente indirizzo: Piazza Ferrari 5 – 43013 LANGHIRANO (PR).
Nel caso di presentazione della domanda allo Sportello Unico per le Imprese (SUI) le domande vanno inoltrate agli sportelli comunali.

 

A – ALLO SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE (SUI) DEL COMUNE

Pratica di Autorizzazione
domanda di autorizzazione completa di tutti gli allegati, in triplice copia
 

Pratica di Comunicazione di inizio lavori
comunicazione di inizio lavori, completa di tutti gli allegati, in triplice copia
N.B. è ammessa la presentazione di sole due copie, nei casi di contestuale istanza di permesso di costruire o DIA presso il Comune;

 

B – ALLA COMUNITÀ MONTANA

Pratica di Autorizzazione
domanda di autorizzazione completa di tutti gli allegati in duplice copia, in bollo
N.B. è ammessa la presentazione contestuale e separata della domanda originale in bollo alla comunità montana, e della seconda copia al comune (che provvede alla pubblicazione all’albo pretorio per 15 giorni).
In questo caso il richiedente dovrà dichiarare di avere scelto tale opzione attraverso il seguente modulo modulo-presentazione-contestuale-autorizzazione
 

Pratica di Comunicazione di inizio lavori
comunicazione di inizio lavori, completa di tutti gli allegati in triplice copia
N.B. è ammessa la presentazione di sole due copie, nei casi di contestuale istanza di permesso di costruire o DIA presso il Comune.