Ricorsi

Ricorsi

Ricorso presso il Giudice di Pace competente per territorio

Il Giudice di Pace di Parma, Piazzale Boito,1 telefoni: 0521-220811 https://gdp.giustizia.it  è competente a decidere in materia di ricorsi avverso i verbali elevati, ai sensi delle norme contenute nel Codice della Strada, dalla Polizia Municipale dell'Unione.

Il ricorso deve essere presentato alla Autorità Giudiziaria entro e non oltre 60 giorni dalla notifica della sanzione o dalla data di contestazione del verbale. Può presentarlo personalmente il ricorrente oppure una persona munita di sua delega ovvero può essere spedito tramite raccomandata A/R.

Il pagamento della sanzione rende il provvedimento definitivo, quindi non più opponibile, pertanto NON si deve PAGARE la sanzione se si ha intenzione di presentare ricorso.

Il ricorso è gratuito, non ci sono spese di segreteria da sostenere.

Per presentare ricorso è sufficiente recarsi presso la Cancelleria del Giudice di Pace, con copia dell'atto per il quale si presenta opposizione, eventuale altra documentazione che si ritiene possa essere ritenuta utile ai fini del giudizio ed il testo del ricorso in originale, più quattro copie. In alternativa è possibile spedire gli atti con raccomandata A/R.

Può essere utilizzato un apposito modello oppure un semplice testo in carta libera.

La Cancelleria del Giudice di Pace fisserà il giorno in cui terrà l'udienza alla quale sarà necessario partecipare.

Ricorso presso il Prefetto

Il ricorso al Prefetto è alternativo a quello proposto presso il Giudice di Pace.

Il ricorso al Prefetto deve essere presentato dal trasgressore o dall'obbligato in solido, entro 60 giorni dalla data della contestazione o notificazione. Può essere presentato in carta libera direttamente al Prefetto mediante raccomandata con ricevuta di ritorno oppure personalmente presso l'ufficio competente.

Può essere utilizzato un apposito modello oppure un semplice testo in carta libera.

Anche in questo caso la sanzione non va pagata se si intende presentare ricorso.

Nota: Se il Prefetto respinge il ricorso, emette una ingiunzione che comporta il pagamento di una somma pari al doppio di quella prevista per il pagamento in misura ridotta (quella indicata dall'agente nel verbale).